Le poesie

« precedente | INDICE | successiva »

 

Frizzi

Ho letto tanti libri in vita mia
Per dare aria a quel ch’avevo in me
Ma nei momenti più importanti e densi
Mi ritrovavo sola
Coi miei sensi.
Mi chiusi allora come un riccio stanco
In un piccolo spazio dentro il cuore
Ad aspettare un tempo senza tempo
Che portasse via il mio dolore.
Mi capitò allora un dono strano
Un’oca bianca che chiamai Frizzi
La stavo ore intere ad osservare
E lei mi ricambiava e mi cercava.
Divenne libro più dei libri letti
Diede vita a quella mia ignorata…
Ampio e ampio è il saper della natura
Pagine che non si stancan d’esser lette
Chè dolce e nuovo propongono un sentire.
Ancor più conturbante è intuire
D’esser un tutt’Uno in tal gestire
Danzare al passo di tal suono antico
Essere onda in un mare infinito.

BiancoOro - Grazia Lazzarin - Credits: Gamaweb
Non č consentito utilizzare immagini e testi a fini diversi da un uso esclusivamente personale.
Il tutto č soggetto alle leggi in materia di diritti e d'autore.
Biancooro.it si riserva il diritto di concedere l'uso di immagini e testi a chi ne farą correttamente richiesta.