Le poesie

« precedente | INDICE | successiva »

 

La mia Ora

La vita che risveglia altra vita
E’ impronta che non voglio abbandonare.
Non voglio esser legno che intristisce
Diventa putrido e squassa al sol che ride.
Non voglio esser seme di vecchiaia
Che incanutisce tra orpelli e medicine
Voglio la saggezza della vita
O il fulmine che coglie nel fiorire.
Voglio la vita colma d’emozione
E lo sparire senza troppe cure
Che portino la morte anzi tempo
In un corpo rifatto e riassestato.
La morte è cruda dove c’è natura.
Voglio morire portando in me la vita.
Non voglio vivere curando in me la morte.
Lasciatemi morire alla mia ora
Senza rattoppi o pezzi di ricambio.
La vita dà a ciascuno ciò che sceglie.
Morire è come continuar la vita.

BiancoOro - Grazia Lazzarin - Credits: Gamaweb
Non č consentito utilizzare immagini e testi a fini diversi da un uso esclusivamente personale.
Il tutto č soggetto alle leggi in materia di diritti e d'autore.
Biancooro.it si riserva il diritto di concedere l'uso di immagini e testi a chi ne farą correttamente richiesta.