Le poesie

« precedente | INDICE | successiva »

 

Gabbie Ospedaliere

Vorrei portare sulle pareti
Di quegli zoo umani
Nubi… tante nubi …
Cielo …tanto cielo
E… stuoli di viole e ciclamini
Là, sulle pareti gabbie ospedaliere.
Quale ingrato architetto
Ha proibito la bellezza?
Quale insano medico
Non tollera germi di felicità?
Quale nefasta cura
Rifiuta sorgenti di poesia?
Dove stanno i cuori?
Anche il medico s’ammala?
Come può essere!
Occorre un medico del cuore…
No non un cardiologo
Un medico del profondo…
No non uno psicanalista
Un medico dell’intimo…
No non un ginecologo
Un medico del dolore…
No non un prete
Un medico dei fiori…
No non un naturopata
Un medico della bellezza….
No non un chirurgo estetico
Ma, chi è, dove sta?
“Cercasi medico della gioia
Per zoo da rinnovare “
Chi risponderà?…
…Il Vento…
Il vento che spazzerà le tempeste
E mostrerà l’arcobaleno
Tra le macerie dell’anime
Liberate da quanto l’uomo
Non riesce a buttare.

BiancoOro - Grazia Lazzarin - Credits: Gamaweb
Non č consentito utilizzare immagini e testi a fini diversi da un uso esclusivamente personale.
Il tutto č soggetto alle leggi in materia di diritti e d'autore.
Biancooro.it si riserva il diritto di concedere l'uso di immagini e testi a chi ne farą correttamente richiesta.